LA SCELTA DI UN ABITO UNICO

Di: Pietro Paolo Pietrogrande

La scelta dell’abito giusto. L’ Abito da sposa con la A maiuscola.
Unico nel suo genere, creato non in serie e non necessariamente pubblicato su famose riviste.
Come fare?
Abbiamo chiesto a chi di competenza su questo argomento ne ha davvero tanta, Pietro Paolo Pietrogrande di Sposa d’Este, uno dei più famosi e grandi Atelier d’Italia, da sempre ricerca abiti originali in tutto il mondo per le sue spose e ha scritto per noi e le nostre spose, un articolo per aiutarle a iniziare il percorso verso il loro abito, con il piede giusto.

Anello 💍, fidanzato🤴🏻, data matrimonio…
e ora la prima cosa a cui pensi è l’abito da sposa, non dire di no!
Fino a ieri magari non era il tuo primo interesse ma già questa mattina hai cominciato a navigare in rete in cerca di idee, sei entrata in un portale, ti sei iscritta ad un blog…
Sono d’accordo hai bisogno di tante informazioni per non sbagliare, per non arrivare impreparata alla scelta di un abito che ti rappresenterà per sempre, che resterà unico e meraviglioso nei tuoi ricordi e in quelli di chi vivrà con te questo giorno speciale.

✅ Voglio aiutarti e metterti in guardia su alcuni possibili errori nei quali potrai incorrere.
Non pensare subito al vestito.
🔴 Pensare all’abito come oggetto, al materiale, ai tagli, alle finiture, è il primo errore.
✔️ Pensa al tuo giorno e a come vorresti viverlo, immergiti mentalmente nell’atmosfera di quel giorno e prova a viverla ad occhi chiusi.
Ti vedi arrivare in una villa affrescata, con tante ospiti in abito lungo? C’è il sole o è sera?
Stai ridendo e brindando in riva al mare con i piedi sulla sabbia, o è “solo” una terrazza vista mare in una sala con un grande lampadario di swaroski?

Ti ho solo dato alcuni possibili scenari ma adesso guardati, sempre ad occhi chiusi, allo specchio e pensa in quella specifica location, con quella luce, con quegli invitati, il tuo abito è perfettamente inserito o il tuo vestito da principessa sta raccogliendo tutte le conchiglie e non solo quelle che sono sulla spiaggia o se quell’abito così bohostyle è ancora perfetto in questo castello. 👰🏻
E quindi cosa devi fare ?
Devi prenderti un po’ di tempo per guardare scene di matrimoni ed elaborare la tua specifica sensazione di giorno unico e felice.
Ora puoi cercare l’abito … no non è ancora il momento.
Devi cercare un atelier, negozio, sarta, ai quali poterti affidare per trovare, provare, creare, il tuo vestito, quello che non ammette errori, quello che resterà per sempre l’abito perfetto.

➡️ Quali sono i criteri utili a selezionare il tuo atelier perfetto?
Ti faccio alcune domande la cui risposta ti farà capire che direzione prendere.
Hai in mente un marchio specifico? Non ti resta che scansionare i distributori che trovi nel sito ufficiale ed andarti a visitare il loro sito.
Hai capito che quel marchio sulla bocca di tutti è anche quello più industriale, che produce vestiti solo in serie con materiali poveri e che di ogni singolo modello ne puoi trovare centinaia in ogni dove? Allora trova l’atelier di ricerca dove magari i nomi sono sconosciuti ma hanno il pregio della produzione sartoriale e dal quale puoi pretendere un’esclusiva certificata, eliminare il rischio di quella frase che al solo pensiero ti fa gelare “anche tu questo modello? Anche Giovanna lo scorso sabato ce l’aveva uguale”. 😡
Dai che stai cominciando a fare i primi passi giusti, giusti per te, per le tue aspettative.
Ora leggi un po’ di recensioni sul portale e nella pagina facebook, ti aiuteranno a capire se pregi e difetti sono quelli che tu cerchi o non desideri incontrare.
Capisci anche quante sono le recensioni, confronta diversi atelier perché credo che avere a disposizione qualche decina di opinioni o qualche centinaio faccia una bella differenza per quanto riguarda affidabilità ed esperienza, le garanzie che non ci saranno intoppi dell’ultimo minuto.
Quello che stai cercando è un partner che sappia darti la certezza che proprio lì, con lui, potrai iniziare il tuo percorso verso il Tuo Abito.
Potrai avere la fortuna di trovarlo al primo appuntamento, accade molto più spesso di quanto i format tv possano farti pensare, o il primo appuntamento sarà l’importante base sulla quale trovare la soluzione perfetta in secondo appuntamento, le ore passate insieme al tuo consulente gli avranno dato tutte le informazioni utili a partire magari da un concetto molto diverso da quello di partenza ma eliminando tutti i motivi di errore.
Quello che non devi fare è vagare tra un atelier e l’altro sperando di trovare quella cosa che ha proprio tutto quello che cerchi o che non sai ancora di cercare.
Non ti sarà utile accumulare chilometri e decine di abiti indossati senza una logica di continuità.
Trovato l’abito? Bene!
Sono sicuro che ti sei preoccupata di verificare l’esistenza di una vera sartoria in grado di far diventare tutto il tuo progetto quel vestito che oltre che bello sarà comodo da vivere, gradevole da indossare e non l’armatura medioevale o quella gonna troppo lunga che non ti permette di muoverti.

🔴 Il tuo tempo è prezioso e mai come in questo periodo ti è sembrato di averne poco…
Secondo te c’è differenza tra un atelier che ti da già una scaletta calendarizzata per le consuete due prove successive alla scelta e una sarta che ti chiamerà di volta in volta per fissare il 3°, 4°, 5° appuntamento di prova? Magari con l’anticipo di solo pochi giorni? Come farai a programmare i tuoi tempi e magari quelli della tua più cara amica, della testimone o di un famigliare che vuoi con te anche in questi momenti?
È per questo che limitare il numero delle prove allo stretto necessario sia tecnicamente che per la tua tranquillità è una prerogativa importante, un passaggio importante che ti devi garantire.
Pensavi di dover trovare solo un vestito… hai capito che hai bisogno di molte altre cose.

Vuoi saperne di più?
👉🏻GUARDA QUI

Aggiungi tutta la conoscenza necessaria a dire domani “rifarei mille volte la stessa scelta”.

Pietro Paolo Pierogrande
Sposa D’este Atelier

 

Top