L’ABITO DA SPOSA CURVY

Di: Manila Talamonti e Cinzia Pizzichini

Continua il nostro viaggio alla ricerca dell’abito da sposa.
Oggi ci occupiamo dell’abito da sposa curvy e lo facciamo con due esperte del settore: Manila Talamonti e Cinzia Pizzichini le proprietarie di SPOSA CURVY, il primo brand in Italia dedicato all’abito da sposa curvy, che hanno scritto un articolo apposta per il blog delle Cuoche.

Una sposa che va in cerca del suo abito perfetto, seleziona i negozi in cui andare, ascolta i consigli  delle amiche e inizia la ricerca provando gli abiti.

MA E’ LA STESSA COSA PER UNA RAGAZZA CURVY? 

Ipotizza di andare in pizzeria, ti chiedono di scegliere sul menù tra 10 tipi di pizze bianche o 10 rosse e tu fai delle considerazioni guardando l’elenco che vedi: “questa va bene ma ci sono i funghi”, “qui vorrei aggiungere del prosciutto”… ti adatti e ne scegli una, è una pizza e comunque possono farcirla come più ti piace!
Quando te la ritrovi nel piatto, ti accorgi che l’impasto è alto, altissimo… mentre a te piace sottile… oppure accade l’inverso, ma l’impasto non lo puoi scegliere!

Bene! Scegliere un’abito da sposa Curvy è più o meno così.

Ti fanno scegliere il colore, un pò più chiaro, o più scuro, un fiocchetto, aggiungi un pezzetto di pizzo, ma nessuno ti parla di come verrà costruito il Tuo abito da sposa, cosa metteranno dentro a quel vestito per sostenere il seno, per definire bene il punto vita o abbracciare bene i fianchi.
Non è scontato che una volta indossato sia come lo avevi immaginato. 
Il problema è che la pizza se non ti piace la lasci nel piatto, ma l’abito da sposa?

Molte sono le problematiche che una ragazza Curvy può incontrare quando va alla ricerca dell’abito da sposa, se non si rivolge ad atelier specializzati.

  • Abiti da provare molto più piccoli rispetto alla sua misura, poco assortimento, poca scelta.
  • Gli unici modelli della sua taglia, non sono esposti nello showroom insieme al resto della collezione, ma ripescati in vecchi sacchi, riposti in un angolo del magazzino.
  • La maggior parte dei modelli che proverà saranno scollati, senza maniche essendo studiati per una 42, non prevedono la possibilità di vestire le braccia, di abbracciare bene il seno o la schiena. Qualsiasi modifica apportata all’abito campione originale, sarà da decidere al momento della scelta, purtroppo se la scelta è giusta o sbagliata, la sposa lo saprà solo nel momento in cui indosserà l’abito completamente finito, perché non ci saranno prove intermedie, dato che sarà ordinato appositamente per lei.
  • Le modifiche solitamente hanno un costo e questo è da aggiungere al prezzo di listino dell’abito. 
  • Solo quando l’abito sarà completamente finito la sposa si accorgerà che non ha la struttura giusta per modellarla e valorizzarla, perché viene creato con le stesse procedure di un vestito nato per una taglia 42.

Noi come aiutiamo le ragazze a trovare il loro abito da sposa Curvy?

  1. Abbiamo un metodo di lavoro che prevede, come primo obiettivo, quello di individuare la forma dell’abito giusta alla futura sposa.
  2. La collezione “senza taglia”, a differenza di abiti che vengono progettati su manichini di plastica, nasce sulle misure e proporzioni delle varie tipologie di ragazze e la sposa può provare i vari abiti per capire qual’è il modello che la fa sentire più a suo agio .
  3. Gli abiti sono attuali e moderni, non esistono modelli da tenere nascosti destinati a spose di “seconda scelta”, crediamo che ogni sposa possa indossare qualsiasi modello se è studiato per sostenere e valorizzare le sue forme.
  4. Spesso le ragazze vogliono coprire le braccia, noi non ci accontentiamo di mettere un pezzetto di stoffa appuntato davanti e dietro con lo scopo di nascondere, ci piace pensare a come poterla rendere più bella usando quel dettaglio appoggiato sulle braccia.
  5. La struttura interna dell’abito nasce per un corpo formoso, leggera e che modella le curve, la sposa può muoversi bene e godersi pienamente questo splendido giorno di festa.
  6. Le ragazze che negli altri atelier sono considerate un eccezione, per noi sono le spose perfette, diamo loro la soluzione personalizzata per ogni esigenza.

Come aiutiamo le nostre spose?
La prima cosa da sapere è che rivolgiamo la nostra attenzione prima alla sposa e poi all’abito.

Capita spesso che la ragazza abbia un idea che però non rispecchia esattamente quello che desidera, perché noi donne ci focalizziamo troppo sui nostri difetti, tanto da non essere consapevoli dei pregi che abbiamo.
Ci lasciamo condizionare dai pareri delle amiche, che spesso ci mettono dei limiti: “quel seno devi coprirlo” “la pancia come la nascondiamo” “vuoi lo spacco? Ma sei matta?!” e così ci rassegniamo al fatto che quel vestito bellissimo non è adatto a noi.

Sposa Curvy vuole dimostrare che tutto è possibile, molto spesso l’unico limite è nella nostra mente. Quando pensiamo che certi modelli sono solo per le magre, ci stiamo facendo dei pregiudizi da sole.

La nostra più grande soddisfazione è quando la sposa dice:
“Non avrei mai pensato che un abito come questo stesse bene anche a me!”

Per aiutare le future spose a fare gli step giusti verso la scelta dell’abito oltre la 44,  abbiamo preparato una guida.
TI PIACEREBBE AVERLA?
Puoi scaricarla gratuitamente a questo link: www.sposacurvy.it

Top